Rilancio del cantiere navale di Palermo

SITUAZIONE INIZIALE

Negli ultimi decenni il cantiere navale di Palermo, una delle principali realtà occupazionali e produttive della città, ha sofferto di una costante riduzione dei volumi di lavoro a causa della mancanza di un concreto piano industriale e dei connessi investimenti necessari a rilanciarne la vocazione di polo cantieristico di realizzazione e manutenzione navi al centro del Mediterraneo. In particolare vi è un intervento necessario, atteso da decenni, che riguarda il bacino da 150.000 t.p.l. (di proprietà dell’Autorità portuale), in assenza del quale non sarebbe possibile rilanciare il cantiere navale di Palermo. Per questo intervento strategico, ad inizio legislatura (marzo 2018), non era previsto alcun finanziamento. Al contrario nel Patto per la Sicilia era già previsto uno stanziamento di oltre 40 milioni di euro – purtroppo inutilizzati – per l’ammodernamento/rifunzionalizzazione di due bacini più piccoli di proprietà della Regione.

OBIETTIVI RAGGIUNTI

→ Siglato accordo tra Autorità Portuale e Fincantieri per il rilancio del cantiere navale di Palermo
Il 28 dicembre 2018 è stato siglato un protocollo tra l’A.d. di Fincantieri e il Presidente dell’Autorità portuale della Sicilia occidentale per il rilancio del cantiere navale di Palermo. L’accordo, che impegna Fincantieri alla realizzazione di nuove navi a Palermo con importanti ricadute occupazionali, è condizionato alla realizzazione di una serie di investimenti da parte dello Stato, in primis la realizzazione del bacino di carenaggio da 150.000 t.p.l.

→ Stanziati 81 milioni di euro per il bacino da 150.000 t.p.l.
Nel maggio 2019 nello schema di decreto di riparto del Fondo investimenti per le Amministrazioni centrali (istituito con la legge di bilancio 2019) è stato previsto il finanziamento della realizzazione del bacino da 150.000 t.p.l. nel cantiere di Palermo. Con decreto ministeriale dell’agosto 2020 è stato definito il finanziamento di 81 milioni di euro all’Autorità portuale.

→ Stanziati 39 milioni di euro per ulteriori interventi necessari al rilancio del cantiere navale di Palermo
Con delibera CIPE n. 47 del 24 luglio 2019 (pubblicata in G.U. il 15 novembre 2019), come Governo nazionale abbiamo stanziato le risorse necessarie a finanziare integralmente gli interventi complementari al rilancio del cantiere navale di Palermo, per un totale di 120 milioni di euro.

OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE
  • Supportare l’Autorità portuale nel tempestivo ed efficace utilizzo delle risorse investite (120 milioni di euro)
  • Monitorare e stimolare impegno Fincantieri in attuazione del protocollo siglato con l’Autorità portuale di Palermo per il rilancio del cantiere
  • Ottenere la partecipazione della Regione al piano di rilancio del cantiere navale di Palermo
ATTIVITÀ SVOLTE

Quella al Presidente dell’Autorità Portuale della Sicilia occidentale, Pasqualino Monti, è stata una delle prime visite istituzionali che ho deciso di fare al momento del mio insediamento come parlamentare nazionale nel marzo 2018. Il porto di Palermo e il cantiere navale sono infatti due ambiti strategici per il presente e il futuro della nostra città.
Durante la visita del vice Presidente del Consiglio Luigi Di Maio al cantiere navale di Palermo, nel novembre 2018, come Movimento 5 stelle abbiamo preso l’impegno di stanziare le risorse necessarie per il principale intervento richiesto e atteso da oltre trent’anni: la realizzazione del bacino di carenaggio da 150.000 t.p.l.
Tra fine 2018 e inizio 2019 è stato siglato il protocollo tra l’Autorità Portuale e Fincantieri che ha posto le basi per il rilancio del cantiere con una diversa prospettiva industriale per Palermo: da centro di manutenzione a polo di realizzazione al centro del Mediterraneo.

All’indomani dell’approvazione della legge di bilancio 2019 ho incontrato il Presidente dell’Autorità Portuale per rappresentare la possibilità di reperire le risorse necessarie tramite il Fondo investimenti per le Amministrazioni Centrali (previsto dalla stessa legge di bilancio). Nel maggio 2019 si è giunti alla predisposizione dello schema di decreto di riparto di tale fondo, prevedendo lo stanziamento di 81 milioni di euro per la cantieristica navale di Palermo, definito con decreto ministeriale nell’agosto 2020.
Nel luglio 2019 abbiamo previsto a livello statale un ulteriore stanziamento complementare di 39 milioni di euro, che dal novembre 2019, è nelle piene disponibilità dell’Autorità portuale.
Da fine novembre 2019 ho avviato una interlocuzione con l’Assessore regionale competente, per ottenere la partecipazione della Regione al piano di rilancio del cantiere navale di Palermo.

 

Principali attività svolte
24/04/2018
Riunione con Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale

01/10/2018
Riunione con Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale

24/11/2018
Visita al cantiere navale col Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio e riunione coi vertici Fincantieri, col Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale e con rappresentanti delle organizzazioni sindacali

08/01/2019
Riunione con Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale per reperimento fondi destinati al rilancio del cantiere navale di Palermo

10/05/2019
Annuncio finanziamento di 75 milioni di euro di fondi statali per la realizzazione del bacino 150.000 t.p.l.

17/05/2019
Tavolo istituzionale con Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale e sindacati

27/05/2019
Incontro con organizzazioni sindacali metalmeccanici

25/06/2019
Richiesta di incontro all'Assessore regionale per le attività produttive per lo sblocco dei 44 milioni di euro del Patto per la Sicilia destinati ai due bacini di carenaggio di proprietà della Regione

24/07/2019
Approvazione da parte del CIPE di uno stanziamento di ulteriori 39 milioni per il cantiere navale di Palermo

28/10/2019
Riunione con Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale

18/11/2019
Riunione con Fincantieri

28/11/2019
Richiesta all'Assessore regionale competente per sua partecipazione a tavolo di lavoro con Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale per lo sblocco delle risorse di competenza della Regione (riscontro positivo il 16/12/2019)

24/01/2020
Riunione con Assessore regionale per le attività produttive per il futuro dei bacini di carenaggio di proprietà della Regione

04/02/2020
Interrogazione a risposta immediata in commissione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti sul finanziamento delle risorse del fondo finalizzato al rilancio degli investimenti delle amministrazioni centrali dello Stato e allo sviluppo del Paese

05/02/2020
Interrogazione a risposta scritta al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti sul finanziamento delle risorse destinate all'Autorità di sistema portuale del mare della Sicilia Occidentale

06/03/2020
Riunione con Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale

Aprile 2020 - Luglio 2020
Costanti interlocuzioni con Governo, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Presidente dell'Autorità Portuale della Sicilia Occidentale per definizione finanziamento da 81 milioni di euro