Vertenza Almaviva Palermo

SITUAZIONE INIZIALE

Da diversi anni il settore dei call-center vive una crisi legata alle sempre più numerose delocalizzazioni all’estero e alle conseguenze che ne derivano sul territorio nazionale (ricorso ad ammortizzatori sociali, licenziamenti, tagli salariali, disdette degli accordi integrativi ed esuberi). In particolare, è emblematico il caso di Almaviva Contact Center, azienda internazionale di telecomunicazioni e informatica presente sul territorio palermitano dal 2001, che da anni vive una crisi strutturale che nella nostra città mette a rischio 2.300 lavoratori circa e le loro famiglie.

OBIETTIVI RAGGIUNTI

Salvaguardati i 255 lavoratori della commessa Sky transitati nella subentrante Covisian
A inizio maggio 2020 Sky ha annunciato di voler interrompere alla scadenza contrattuale i rapporti commerciali con Almaviva sul sito di Palermo senza garantire il rispetto della clausola sociale, provocando così l’esubero del 60% dei lavoratori (255 posti di lavoro). Dopo aver chiesto a inizio maggio 2020 l’immediata convocazione del tavolo da parte del Ministero del Lavoro, grazie all’impegno del Sottosegretario al Lavoro Steni Di Piazza, abbiamo portato avanti un difficile negoziato attraverso il quale abbiamo salvaguardato i posti di lavoro messi a rischio.

OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE
  • Monitorare l’attuazione dell’accordo di salvaguardia dei 255 posti di lavoro della commessa Sky
  • Stimolare il rilancio dei call-center
ATTIVITÀ SVOLTE

A partire da giugno 2019 ho avviato un percorso di interlocuzione con lavoratori e organizzazioni sindacali al fine di stimolare l’attivazione di tavoli ministeriali con la presenza anche dei committenti pubblici e privati di Almaviva. Fin da subito, l’obiettivo è stato quello di sollecitare il Governo nazionale ad intervenire predisponendo il pieno coinvolgimento degli attori coinvolti.  Nel febbraio 2020, al fine di tamponare la situazione di crisi, è stato approvato in commissione alla Camera dei deputati un emendamento, di cui ero firmatario, che ha disposto lo stanziamento di 20 milioni di euro sotto forma di ammortizzatori sociali per i lavoratori del settore call-center.

A inizio maggio 2020, quando la commessa Sky ha annunciato l’intenzione di interrompere i rapporti commerciali con Almaviva sul sito di Palermo, ho depositato una interrogazione parlamentare al Ministero del Lavoro e al Ministero dello Sviluppo Economico, per sollecitare il Governo a convocare immediatamente Sky e porre rimedio alla condizione di incertezza dei lavoratori palermitani. Così, a seguito della convocazione di diversi tavoli ministeriali e della mia partecipazione a un presidio dei lavoratori coinvolti a Palermo, grazie all’impegno del Sottosegretario Steni Di Piazza, delle parti sociali e del Ministro Nunzia Catalfo, siamo riusciti a far rispettare la clausola sociale.

Principali attività svolte
13/06/2019
Tavolo ministeriale

26/06/2019
Tavolo ministeriale

19/07/2019
Tavolo interministeriale

11/09/2019
Riunione con Ministero del Lavoro

13/09/2019
Incontro con lavoratori e sigle sindacali presso Comune di Palermo

14/10/2019
Tavolo interministeriale

06/11/2019
Tavolo di crisi interministeriale

09/12/2019
Tavolo di crisi interministeriale

17/12/2019
Tavolo di crisi ministeriale

11/05/2020
Interpellanza al Ministro del Lavoro e al Ministro dello Sviluppo Economico su rispetto clausola sociale da parte di Sky e riattivazione tavoli ministeriali

27/05/2020
Tavolo ministeriale su vertenza Sky-Almaviva

05/06/2020
Riunione con sindacati e Sottosegretario al Lavoro

12/06/2020
Incontro con i lavoratori

25/06/2020
Tavolo ministeriale su vertenza Sky-Almaviva